Informazioni su situazione di emergenza Ucraina

INFORMAZIONI UTILI PER IL SOGGIORNO DI CITTADINI UCRAINI: Testo in italiano - Testo in ucraino

I cittadini provenienti dall'Ucraina possono viaggiare gratuitamente sul nostro territorio entro 5 giorni dall'ingresso in Italia - Ordinanza

ASSISTENZA PROFUGHI
Come Amministrazione stiamo raccogliendo le disponibilità sia di alloggi temporanei che di appartamenti per situazioni a lungo termine, così da dare una veloce risposta ai bisogni che stanno emergendo. Vi chiediamo di informarci scrivendo a: segreteriasindaco@comune.montesanpietro.bo.it

MODALITA' DI OSPITALITA':

  • Appartamento da rendere disponibile per un tempo medio-lungo: è possibile candidarsi al SAI - Sistema Accoglienza Integrazione - segnalando la disponibilità ad ASP ufficio protezione internazionale (protezioni.internazionali@aspbologna.it) oppure tramite BolognaperUcraina@comune.bologna.it. 
    Per essere candidabile l'appartamento deve avere le caratteristiche e le certificazioni richieste da ASP. Si veda il modulo
    Se la candidatura è accettata sono previsti rimborsi economici giornalieri la cui entità è in aggiornamento e va richiesta contestualmente alla candidatura.
  • Ospitalità in famiglia per tempo medio-lungo: da segnalare su www.progettovesta.com 
  • Ospitalità in famiglia per un tempo breve: segnalare al Comune di appartenenza come ospitalità informale/ospitalità esterna. 
    Per il Comune di Monte San Pietro scrivere a: segreteriasindaco@comune.montesanpietro.

Bando selezione strutture CAS (per l'affidamento del servizio di accoglienza cittadini Ucraini):
http://www.prefettura.it/bologna/news/Bandi_di_gara_e_contratti-13295481.htm

Il Ministero dell’Interno ha pubblicato un Avviso per la presentazione di domande di ampliamento, fino a un complessivo di 3.530 posti, da destinare con priorità all’accoglienza di nuclei familiari, anche monoparentali.
L’avviso è riservato agli Enti locali già titolari di progetti SAI per la tipologia di “accoglienza ordinaria”
L’Avviso, insieme al modello di domanda da utilizzare, sono disponibili sul sito del Ministero dell’Interno, al link https://www.interno.gov.it/it/amministrazione-trasparente/bandi-gara-e-contratti/comunicazione-ex-art-9-linee-guida-dm-18112019-rivolta-enti-locali-titolari-progetti-attivi-rete-sai-presentazione-richieste-ampliamento-3530-posti-categ-ordinari

 

RICHIESTA CONTRIBUTO
E' online la piattaforma del Dipartimento della Protezione Civile (in italiano, inglese e ucraino) che permette ai profughi i provenienti dalla Ucraina in conseguenza della crisi politica e militare in atto di richiedere il contributo di sostentamento qualora non siano sopitati in strutture CAS o SAI, quindi riservata a tutti/e coloro che sono in casa ospitati presso famiglie.

Si veda il vademecum predisposto dal Dipartimento protezione civile e link per le condizioni e per le modalità di richiesta:
https://contributo-emergenzaucraina.protezionecivile.gov.it/#/

 

REGISTRAZIONE ARRIVI
I profughi in arrivo dall'Ucraina devono effettuare la registrazione presso il locale presidio dell’Arma dei Carabinieri, per noi sito a Zola Predosa, mediante la compilazione del modello in allegato. 
Il personale dell’Arma si accerterà della compilazione del modello allegato (file adobe pdf, 377 Kb), che provvederà ad inoltrare alla Questura di Bologna. 

PERMESSO DI SOGGIORNO E RICONOSCIMENTO PROTEZIONE TEMPORANEA
L'UE con la Direttiva 55/2001 riconosce un permesso di soggiorno temporaneo immediato per i profughi/e ucraini/e, con tutte le possibilità ad esso conseguenti compreso il lavoro.
L’ufficio immigrazione della Questura contatterà per il rilascio del permesso di soggiorno tutte le persone che si sono registrate secondo le due modalità sopra indicate. La questura riceverà giornalmente i dati relativi a TUTTE le registrazioni effettuate in tutta l’area metropolitana. Sarà cura della Questura contattare le persone che hanno effettuato la registrazione per dare appuntamento presso i loro uffici per depositare la domanda di protezione temporanea. Pertanto in questo momento non è previsto che le persone si rechino autonomamente presso la Questura.
I cittadini ucraini possono fare ingresso nel territorio dell’Unione e circolare liberamente per un periodo massimo di 90 giorni in base alla legislazione già esistente, senza necessariamente richiedere un permesso di soggiorno. Ciò comporta implicitamente il diritto dei cittadini ucraini di scegliere lo Stato membro nel quale recarsi per poi chiedere la protezione temporanea ed il rilascio del relativo titolo di soggiorno.
Una volta scelto, liberamente, lo Stato membro al quale chiedere il titolo di soggiorno, il beneficiario della protezione temporanea non ha il diritto di stabilirsi in un altro Stato membro, nè di svolgervi attività lavorativa, né di soggiornarvi temporaneamente oltre il periodo di 90 giorni ogni 180 giorni.

DICHIARAZIONE DI OSPITALITA'
In caso di ospitalità, legata all'emergenza, in case private di cittadini ucraini è necessario effettuare, da parte di chi ospita, la comunicazione della dichiarazione di ospitalità del cittadino ucraino alla Questura utilizzando il modello al link: https://questure.poliziadistato.it/statics/44/modulo-dichiarazione-di-ospitalita.pdf?lang=it.

La segnalazione deve essere effettuata via mail in Questura all'indirizzo mail: immig.quest.bo@pecps.poliziadistato.it e in copia a: segreteriasindaco@comune.montesanpietro.bo.it per aiutarci nel monitoraggio della situazione.

Ringraziamo i nostri concittadini e le nostre concittadine che stanno dando la disponibilità per l'accoglienza dei profughi e delle profughe ucraine in arrivo anche nel nostro Comune, un grande atto di generosità in un momento drammatico.

ASSISTENZA SANITARIA.
Per tutti i cittadini/e ucraini/e in arrivo, sarà rilasciato codice STP (da richiedere presso uno sportello CUP territoriale di Zola Predosa) con validità 6 mesi, che servirà per accedere al sistema sanitario per le cure urgenti o salva vita e prevede il pagamento del ticket tra i 6 e 64 anni, a meno che non si autocertifichi l'indigenza. Maggiori info: https://bit.ly/3vGo2GZ
Le cure in emergenza e urgenti sono sempre garantite, a prescindere dall’acquisizione dell’STP, tramite contatto con il 118 o l’accesso diretto presso i Pronto Soccorso dei presidi ospedalieri.

Ai fini dell’accesso al Servizio sanitario nazionale, le persone destinatarie della protezione temporanea, sono equiparate ai cittadini italiani. Al momento della presentazione della domanda di permesso di soggiorno per protezione temporanea, viene rilasciato contestualmente al richiedente, da parte della questura, il codice fiscale, secondo la procedura già prevista per i richiedenti protezione internazionale, attraverso i sistemi messi a disposizione dall’Agenzia dell’Entrate. Attraverso la procedura di cui al periodo precedente, oltre ai dati anagrafici è trasmessa all’Agenzia delle entrate anche una informazione che consenta di identificare automaticamente il richiedente come destinatario di assistenza sanitaria.

DPCM 28.03.2022 “Protezione Temporanea per la popolazione Ucraina”
Principali contenuti:
La protezione temporanea è una procedura di carattere eccezionale che garantisce una tutela immediata e temporanea alle persone sfollate: ha durata di un anno a decorrere dal 4 marzo 2022 e si applica:
a) ai cittadini ucraini residenti in Ucraina prima del 24 febbraio 2022;
b) ai cittadini di Stati terzi o apolidi che beneficiavano della protezione internazionale o di protezione equivalente in Ucraina prima del 24 febbraio 2022 con adeguata attestazione in forma documentale e che non possono ritornare in condizioni sicure e stabili nel proprio paese o regione di origine.;
c) ai familiari di cittadini ucraini: 
Il questore del luogo in cui la persona è domiciliata, è competente nel rilascio del PDS per protezione temporanea della durata annuale; il PDS può essere prorogato automaticamente di sei in sei mesi per un periodo massimo di un anno. La richiesta di PDS deve essere presentata direttamente in questura.

Al titolare è riconosciuto:
-l’accesso al Servizio Sanitario Nazionale a parità di trattamento rispetto ai cittadini italiani: fino alla presentazione della richiesta del PDS è comunque garantita l’assistenza sanitaria mediante iscrizione attraverso rilascio codice STP da parte delle strutture abilitate;
- l’accesso alle misure assistenziali, alle misure di accoglienza, al mercato di lavoro e al diritto allo studio;
- la possibilità di presentare, in un qualsiasi momento, la domanda di Protezione Internazionale

Helpline telefonica per minori e famiglie
Anci ha avviato una collaborazone con Save the Children che rende disponibile la sua Helpline telefonica per rispondere alle richieste di sostegno immediato per nuclei familiari e minori ucraini soli arrivati in Italia.
Possono chiamare direttamente la Helpline i minori e le famiglie giunte in Italia cosi come anche gli enti locali, servizi socio-sanitari, strutture di accoglienza che necessitano di supporto o informazioni in relazione all’accoglienza di minori e nuclei familiari ucraini.
L’help desk assicura:
Mediazione linguistico culturale telefonica (nelle lingue russo, ucraino e bielorusso)
Orientamento e supporto legale
Assistenza alle procedure di ricongiungimento
Primo supporto e sostegno psicologico ed emotivo post evento traumatico, identificazione ed eventuale presa in carico di situazioni di particolare vulnerabilità
Per entrare in contatto con l’help desk rivolgersi al numero gratuito 800.141016 - 351.2202016 dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 17.00 oppure inviare una mail all’indirizzo helplineminorimigranti@savethechildren.org

MINORI
Si ricorda che i minori di 18 anni, hanno diritto all'assistenza primaria e potranno scegliere il Pediatra di Libera Scelta o il Medico di Medicina Generale sempre presso il CUP.
Per i minori Ucraini l'ambulatorio della pediatria di comunità presso la CdS di Zola è aperto alla valutazione dei bambini, screening tubercolosi e effettuazione delle vaccinazioni. 
Per eventuali problematiche relative alle vaccinazioni nei bambini ucraini è stato creato l'alias pediatria.emergenzaucraina@ausl.bo.it 
Qui gli orari di apertura, l'ambulatorio è già attivo:
MARTEDI' 9:00-11:00 - Valutazione stato vaccinale, esecuzione mantoux
VENERDI' 9:00-11:00 - Refertazione mantoux, esecuzione vaccinazioni previste

SCREENING E VACCINAZIONE ANTICOVID
E’ necessario che ciascun soggetto venga sottoposto il prima possibile rispetto all’arrivo nel nostro territorio (possibilmente entro 48h) ad uno screening per l’infezione dal Sars-CoV-2 attraverso un tampone antigenico o molecolare, indipendentemente dallo stato vaccinale.
Tali soggetti, a prescindere dal possesso dell’STP, potranno accedere alle Farmacie convenzionate per l’esecuzione di un tampone antigenico il cui risultato verrà trasmesso al Dipartimento di Sanità Pubblica: tale prestazione sarà a carico dell’Azienda USL di Bologna.
Sarà inoltre possibile per tutti coloro che vorranno vaccinarsi accedere senza prenotazione all'HUB vaccinale di Casalecchio - Via Guido Rossa, 1 (lunedì, martedì, mercoledì pomeriggio, giovedì, venerdì e sabato mattina).
È attivo da lunedì al venerdi dalle ore 8.30 – 13.30 il contact center 051-413161 per rispondere a domande o quesiti circa i percorsi di accesso alle prestazioni sanitarie e di screening o vaccinazione anti-Covid per i profughi ucraini/e.
Presso i punti CUP, al momento del rilascio del codice STP, saranno date indicazioni sulle modalità di esecuzione del tampone in farmacia e verrà data informazione dell’opportunità di vaccinarsi.

ABBONAMENTI GRATUITI PER GLI STUDENTI PROFUGHI UCRAINI nati tra il 2003 e 2011
Abbonamento Mi Muovo Insieme 
Modulo di Richiesta

 

Per informazioni complete su rilascio STP, screening covid e vaccinazioni clicca qui

Prontuario multilingue dell’Emilia-Romagna sull’accoglienza e assistenza corredato dalla necessaria modulistica clicca qui

ICARE - FERMIAMO LA PANDEMIA INSIEME  - ПРИПИНИТИ ПАНДЕМІЮ РАЗОМ! 

SOSTEGNO PSICOLOGICO
Croce Rossa Italiana: supporto a favore della popolazione ucraina colpita dalla guerra. Numero verde attivo dal 1° aprile p.v. e a cui possono rivolgersi i cittadini ucraini e le famiglie ospitanti: 800065510

BADIAMOCI - Il Gruppo di Auto Mutuo Aiuto (AMA) tra ASSISTENTI FAMILIARI - dedica i prossimi incontri alle assistenti familiari coinvolte nel conflitto in Ucraina.
Sarà uno spazio dove si potranno condividere rabbia, frustrazione, dolore, angoscia e tutte le emozioni e i sentimenti che la guerra e i suoi orrori porta con sé.
Per tutte le informazioni si veda il volantino

ANIMALI D'AFFEZIONE
E 'importante che le persone provenienti dall'Ucraina in possesso di un animale d'affezione (cane, gatto) contattino con urgenza il servizio veterinario per i controlli adeguati e attivazione della profilassi: identificazione, registrazione,vaccinazione antirabbica e successiva titolazione anticorpale. Tutti gli interventi sono gratuiti.
PER INFORMAZIONI E APPUNTAMENTI:
Servizio Veterinario AUSL Bologna : 051 4966301
email: pet.ucraina@ausl.bologna.it
Si veda il volantino

 

AIUTI ALLA POPOLAZIONE UCRAINA
La Regione Emilia-Romagna ha predisposto la possibilità di fare una donazione utilizzando l'IBAN della Protezione Civile E-R (indicando la causale: EMERGENZA UCRAINA): IBAN: IT69G0200802435000104428964;
SOLO per versamenti dall'’ESTERO utilizzare il codice Bic Swift: UNCRITM1BA2

I soldi raccolti dalla Protezione Civile Regionale attraverso le donazioni al conto corrente indicato e con la causale EMERGENZA UCRAINA verranno usati dalle organizzazioni internazionali preposte, a seconda delle necessità; i beni NON vengono raccolti dai Comuni;

E' possibile donare anche dal sito della piattaforma pagoPA e dall’app IO.
Per chi non possiede l'app, ma vuole donare con carta di credito: https://checkout.pagopa.it/dona 
Per questo tipo di pagamenti non sono previste commissioni.

BENI PRIMA NECESSITA' 
E' possibile rivolgersi sia alla Caritas locale, situata presso la parrocchia di Calderino - Elizabeth Westbury  328 978 1773 che all'Emporio Sole a Casalecchio: http://www.emporioilsole.it/ - 324 092 7266

L'ANCI - Associazione dei Comuni Italiani - aderisce alla raccolta fondi lanciata dalla Croce Rossa Italiana, UNICEF, UNHCR con il sostegno di "RAI per il sociale" le cui donazioni possono essere fatte al 45525.